Portare la badante in vacanza: cosa considerare prima di partire

da | Lug 20, 2023 | Comunicati

Se stai pensando di portare la tua badante in vacanza con te, ci sono alcune cose che devi tenere a mente. Non solo è importante pianificare con attenzione il viaggio, ma devi anche considerare gli aspetti legali e le responsabilità finanziarie che potrebbero sorgere.

In questo articolo, esploreremo alcune considerazioni importanti da tenere a mente quando si porta la badante in vacanza con se:

  1. Comunicazione: prima di pianificare il viaggio, parla con la badante per assicurarti che sia interessata a venire con te. Condividi e parla con lei del piano di viaggio e accordatevi su come saranno gestiti i suoi compiti durante la vacanza.
  2. Budget: devi anche considerare il costo di portare la badante in vacanza con te. Ci saranno costi aggiuntivi per il suo alloggio, i pasti e il trasporto. Informa la badante dei costi prima di partire e assicurati di mettere da parte i fondi necessari.
  3. Orari di lavoro: durante il viaggio, la badante dovrà continuare a lavorare secondo il profilo orario stabilito nel contratto. Accertatevi di concordare i suoi orari di lavoro prima di partire e di stabilire un piano per il pagamento del lavoro straordinario.
  4. Documentazione: verifica che la badante abbia tutti i documenti necessari per viaggiare all’estero, come il passaporto e il visto, se necessario. Controlla anche se la tua compagnia di assicurazione copre eventuali spese mediche che potrebbero sorgere durante il viaggio.
  5. Giorni di riposo: la badante ha bisogno di giorni di riposo regolari, anche durante le vacanze. Pianifica alcune attività che le permettano di rilassarsi e di prendersi una pausa dal lavoro.
  6. Destinazione: scegli una destinazione che sia adatta alle esigenze del datore di lavoro e della badante. Accertati inoltre che ci sia un’adeguata assistenza medica e che le strutture turistiche siano accessibili.
Badante convivente

Se si tratta di una badante convivente alle stesse condizioni contrattuali è tenuta a seguire l’assistito. I costi del viaggio di andata e ritorno restano a carico del datore di lavoro.

Badante non convivente

Se si tratta di un collaboratore in regime di non convivenza, pur mantenendo le stesse condizioni contrattuali comprensivo il profilo orario, le saranno riconosciute:

  • Un’indennità di trasferta pari al 20% sul minimo contrattuale;
  • Il vitto e alloggio;
  • I costi del viaggio di andata e ritorno.

In sintesi, portare la badante in vacanza con te può essere una grande esperienza, ma richiede una pianificazione attenta. Prima di partire, assicurati di discutere con la badante tutti gli aspetti del viaggio e di considerare le implicazioni finanziarie e legali. Con la pianificazione giusta, potrete godervi insieme una vacanza indimenticabile.

Assistiamo famiglie e aziende nella consulenza e contabilità dei rapporti di lavoro con il tuo collaboratore domestico. Contattaci per info

Valutazione di Google
4.8
Basato su 175 recensioni
×
js_loader