COLF NON CONVIVENTE - LAVORO DOMESTICO

LA COLF NON CONVIVENTE

In questa sezione andremo ad approfondire come gestire al meglio il rapporto di lavoro con una colf non convivente considerando quanto previsto dal CCNL del lavoro domestico

Come attribuire il corretto livello di inquadramento?

La figura della colf non convivente viene inquadrata con il livello B – collaboratore generico polifunzionale.
La Colf non convivente svolge le incombenze relative al normale andamento della vita familiare, compiendo, anche congiuntamente, mansioni di pulizia e riassetto della casa, di addetto alla cucina, di addetto alla lavanderia, di assistente ad animali domestici, nonché altri compiti nell’ambito del livello di appartenenza.

Nel livello B rientrano anche figure come:

  • Custode di abitazione privata. Svolge mansioni di vigilanza dell’abitazione del datore di lavoro e relative pertinenze, nonché, se fornito di alloggio nella proprietà, di custodia;
  • Addetto alla stireria. Svolge mansioni relative alla stiratura;
  • Cameriere. Svolge servizio di tavola e di camera;
  • Giardiniere. Addetto alla cura delle aree verdi ed ai connessi interventi di manutenzione;
  • Operaio qualificato. Svolge mansioni manuali nell’ambito di interventi, anche complessi, di manutenzione;
  • Autista. Svolge mansioni di conduzione di automezzi adibiti al trasporto di persone ed effetti familiari, effettuando anche la relativa ordinaria manutenzione e pulizia;
  • Addetto al riassetto camere e servizio di prima colazione anche per persone ospiti del datore di lavoro. Svolge le ordinarie mansioni previste per il collaboratore generico polifunzionale, oltreché occuparsi del rifacimento camere e servizio di tavola della prima colazione per gli ospiti del datore di lavoro.

come gestire

Orario di lavoro:

distribuzione orario di lavoro:

Il Contratto Nazionale del Lavoro Domestico non prevede alcun requisito minimo di ore settimanali per la stipula di un contratto per la colf non convivente.

L’orario di lavoro per la colf non convivente infatti dovrà essere compreso tra 1 a 40 ore settimanali considerando che:

  • L’orario massimo giornaliero è di 8 ore.
  • Le ore lavorative devono essere svolte tra le 6:00 e le 22:00.

 

ore di riposo:

Per la colf non convivente non è previsto un orario di riposo che deve quotidianamente godere.

Nonostante quanto indicato sopra consigliamo di far godere al lavoratore almeno mezz’ora di pausa (che possibilmente coincida con l’orario di pranzo o cena) nel caso in cui siano svolte 6 ore o più di servizio continuato.

Tredicesima mensilità:

Il contratto della colf non convivente, così come tutte le altre figure professionali che rientrano nell’ambito del contratto nazionale del lavoro domestico, prevede la Tredicesima mensilità; si tratta di una retribuzione aggiuntiva. La tredicesima mensilità è dovuta in occasione del Natale ed è pagata in proporzione ai mesi lavorati.

Ferie:

La colf non convivente matura 26 giorni di ferie all’anno. Durante il periodo di godimento delle ferie la colf non convivente ha diritto per ciascuna giornata ad una retribuzione pari a 1/26esimo della retribuzione media mensile. 

Ore di straordinario:

Lo straordinario della colf non convivente è compensato con la retribuzione oraria così maggiorata:

  • del 0 % entro le ore massime giornaliere (8) e settimanali (40)
  • del 10 % se l’orario totale settimanale è tra 41 e 44 ore
  • del 25% oltre le 44 ore settimanali o oltre le 8 ore giornaliere
  • del 50% se prestato dalle ore 22.00 alle ore 6.00
  • del 60% se prestato di domenica o in una giornata festiva

Giorni festivi:

Per quanto riguarda le festività, sono considerarsi tali le giornate riconosciute dalla legislazione vigente. In queste giornate la colf non convivente osserverà il completo riposo. Le festività vengono retribuite 1/26esimo della retribuzione media mensile.

CALCOLA IL TUO PREVENTIVO

Ti invieremo il preventivo con il dettaglio dei costi da affrontare per un rapporto regolare al 100%

Cambia inquadramento

COLF

Il collaboratore domestico assiste la famiglia esclusivamente nelle faccende domestiche tra cui il pulire, fare la spesa, stirare, cucinare etc...

BADANTE

La badante, ha come funzione principale l'assistenza ad una persona ma, nel tempo libero, può occuparsi anche delle faccende domestiche

BABY SITTER

La baby sitter è quella figura che va ad assistere un minore che non è in grado di autogestirsi. Nel tempo libero può svolgere le mansioni della colf.