Quanto costa una badante colf o baby sitter?

da | Set 16, 2022 | Guida al contratto di lavoro domestico | 0 commenti

Quanto costa una badante? Quanto costa mettere in regola un colf? Quanto costa una baby sitter?

Qualora siate intenzionati ad assumere un collaboratore familiare la domanda che certamente vi sarete posti è: “Quanto costa una badante? , Quanto costa mettere in regola un colf? oppure Quanto costa una baby sitter?”. Incominciamo con il precisare che la retribuzione della vostra collaboratrice domestica dipende principalmente da alcune caratteristiche:

  • la mansione;
  • il profilo orario;
  • la retribuzione concordata;
  • il regime di convivenza oppure di non convivenza.

Facciamo un po’ di chiarezza tra quanto costa alla famiglia una collaboratrice domestica e quanto percepisce effettivamente il lavoratore.

E’ utile considerare fin dall’inizio del rapporto che la retribuzione netta mensile percepita dalla vostra lavoratrice non corrisponde al costo effettivo da parte del datore di lavoro. I costi aggiuntivi che il datore di lavoro deve considerare sono la tredicesima, i contributi, le ferie e la quota del TFR (trattamento di fine rapporto) che sono obblighi previsti dal CCNL.

Alcuni fattori da tener presenti in fase di assunzione:

  • la retribuzione di partenza non potrà mai essere più bassa del minimo sindacale;
  • la retribuzione pattuita in fase di assunzione, anche se maggiore rispetto al minimo contrattuale, non potrà più essere diminuita nel corso del rapporto;
  • ogni due anni è previsto uno scatto di anzianità pari al 4% del minimo contrattuale dell’anno corrente.

Per l’inquadramento corretto (B, BS, CS o DS) del vostro collaboratore domestico potete consultare il nostro sito e fare un’assunzione direttamente online o contattarci presso uno dei circoli a voi più comodo e fissare un appuntamento con il vostro family tutor che gestirà personalmente la vostra pratica.

Quando si svolge del lavoro non regolare il collaboratore domestico non accede a determinati diritti e il datore di lavoro non rispetta la legislazione vigente. In caso di infortunio il lavoratore non ha diritto a nessuna copertura e in caso di vertenza sindacale è il datore di lavoro a dover rispondere senza poter essere in possesso di giustificativi.

Consuderiamo superfluo precisare che in caso di lavoro non regolare qualunque accordo scritto o verbale preso tra le parti è da considerarsi nullo.

> qui trovi i rischi del lavoro in nero

Quanto costa la badante non convivente non formata?

La figura della badante non convivente (non formata) può essere contrattualizzata da 1 ora fino al massimo di 40 ore settimanali a partire da una retribuzione oraria pari al minimo sindacale di 7,13 euro se assiste una persona sola non autosufficiente oppure di 6,40 euro se assiste una persona sola autosufficiente.

La retribuzione è su base oraria e si calcola ogni mese a seconda delle ore lavorate.

> qui trovi tutte le informazioni che cerchi sulla badante non convivente

Quanto costa una badante

Facciamo alcuni esempi:

Quanto costa una badante 6 ore settimanali?

Per il datore di lavoro il costo medio mensile, comprensivo di tutto (stipendio, contributi, tredicesima, ferie tfr e la nostra gestione), per una badante per 6 ore settimanali in fascia diurna, è di circa 270 euro.

 

Per il lavoratore la retribuzione netta in busta paga è di circa 175 euro, su base oraria. A parte percepirà tredicesima, ferie, contributi, calcolo TFR.

Quanto costa una badante 30 ore settimanali?

Per il datore di lavoro il costo medio mensile, comprensivo di tutto (stipendio, contributi, tredicesima, ferie tfr e la nostra gestione), per una badante per 30 ore settimanali in fascia diurna, è di circa 1220 euro.

 

Per il lavoratore la retribuzione netta in busta paga è di circa 890 euro, su base oraria. A parte percepirà tredicesima, ferie, contributi, calcolo TFR.

Quanto costa una badante 40 ore settimanali?

Per il datore di lavoro il costo medio mensile, comprensivo di tutto (stipendio, contributi, tredicesima, ferie tfr e la nostra gestione), per una badante per 40 ore settimanali in fascia diurna, è di circa 1612 euro.

 

Per il lavoratore la retribuzione netta in busta paga è di circa 1190 euro, su base oraria. A parte percepirà tredicesima, ferie, contributi, calcolo TFR.

Dalle 6 ore di servizio giornaliere continuative andrà prevista anche un’indennità di vitto da calcolare in proporzione ai giorni di servizio in cui si effettuano più di 5 ore continuative.

Quanto costa la badante convivente non formata?

Tutto cambia con un contratto per assistenti a persone non autosufficienti in regime di convivenza. Innanzitutto si tratta di una retribuzione mensilizzata calcolata su 26 giorni e comprende un’indennità di vitto e alloggio da corrispondere solo quando richiesto nel CCNL di riferimento.

Il regime di convivenza prevede un profilo orario di 54 ore distribuite su 6 giorni (10 ore dal lunedì al venerdì e 4 ore il sabato, in fascia diurna) e che la vostra collaboratrice mangi e dorma in casa dell’assistito con un alloggio idoneo.

E’ previsto un inquadramento ad-hoc per il solo servizio notturno di assistenza alla persona in regime di convivenza che prevede una fascia oraria dalle 20:00 alle 08:00 del mattino successivo. Il CCNL prevede che la distribuzione dell’orario stabilito è forfaittario: 40 ore su 5 notti o 48 ore su 6 notti.

> qui trovi tutte le informazioni che cerchi sulla badante convivente diurna

> qui trovi tutte le informazioni che cerchi sulla badante convivente notturna

Alcuni esempi:

Quanto costa la badante convivente?

Per il datore di lavoro il costo comprensivo di tutto (stipendio, contributi, tredicesima, ferie tfr e la nostra gestione), per il servizio diurno di 54 ore in regime di convivenza, ha un costo medio mensile di circa 1470 euro.

 

Per il lavoratore la retribuzione netta in busta paga è di circa 960 euro mensili. A parte percepirà tredicesima, ferie, contributi, calcolo TFR + vitto e alloggio in natura.

Quanto costa la badante convivente notturna?

Per il datore di lavoro il costo comprensivo di tutto (stipendio, contributi, tredicesima, ferie tfr e la nostra gestione), per il servizio notturno di 40 o 48 ore in regime di convivenza, ha un costo medio mensile di circa 1640 euro.

 

Per il lavoratore la retribuzione netta in busta paga è di circa 1115 euro mensili. A parte percepirà tredicesima, ferie, contributi, calcolo TFR + vitto e alloggio in natura.

In entrambi i casi alla retribuzione media mensile va aggiunta, solo quando richiesto nel CCNL di riferimento, un’indennità di vitto e alloggio pari a 151,06 euro. Quando non è previsto dal CCNL, il lavoratore nè gode in natura presso l’abitazione del datore di lavoro (mangia e dorme gratuitamente).

Quanto costa mettere in regola una colf?

La colf, che ha mansioni ben diverse e si occupa solo della casa senza avere a che fare con persona fisica, ha una retribuzione oraria minima sindacale che parte da 6,03 euro.

Anche in questo caso è possibile assumere una colf in regime di non convivenza da 1 ora fino a un massimo di 40 ore settimanali. Non possono essere più di 8 al giorno e in caso di un servizio continuativo dalle 6 ore in su và prevista un’indennità di vitto da calcolare in proporzione al profilo orario e secondo quanto richiesto dal CCNL di riferimento.

> qui trovi tutte le informazioni che cerchi sulla colf

Quanto costa mettere in regola un colf

Esempio di quanto costa:

Quanto costa mettere in regola una colf 9 ore settimanali?

Per il datore di lavoro il costo medio mensile, comprensivo di tutto (stipendio, contributi, tredicesima, ferie tfr e la nostra gestione), per una colf a 9 ore settimanali, è di circa 330 euro.

 

Per il lavoratore la retribuzione netta in busta paga è di circa 215 euro, su base oraria. A parte percepirà tredicesima, ferie, contributi, calcolo TFR.

Quanto costa mettere in regola una colf 40 ore settimanali?

Per il datore di lavoro il costo medio mensile, comprensivo di tutto (stipendio, contributi, tredicesima, ferie tfr e la nostra gestione), per una colf a 40 ore settimanali, è di circa 1390 euro.

 

Per il lavoratore la retribuzione netta in busta paga è di circa 995 euro, su base oraria. A parte percepirà tredicesima, ferie, contributi, calcolo TFR.

Quanto costa mettere in regola una colf 25 ore settimanali?

Per il datore di lavoro il costo medio mensile, comprensivo di tutto (stipendio, contributi, tredicesima, ferie tfr e la nostra gestione), per una colf a 25 ore settimanali, è di circa 875 euro.

 

Per il lavoratore la retribuzione netta in busta paga è di circa 620 euro, su base oraria. A parte percepirà tredicesima, ferie, contributi, calcolo TFR.

Quanto costa mettere in regola una colf convivente 54 ore settimanali?

Per il datore di lavoro il costo di una colf comprensivo di tutto (stipendio, contributi, tredicesima, ferie tfr e la nostra gestione), per il servizio diurno di 54 ore in regime di convivenza, ha un costo medio mensile di circa 1250 euro.

 

Per il lavoratore la retribuzione netta in busta paga è di circa 778 euro mensili. A parte percepirà tredicesima, ferie, contributi, calcolo TFR + vitto e alloggio in natura.

Quanto costa una baby sitter?

Per l’assistenza di un vostro caro è opportuno che tutto sia in regola.

La baby sitter ha una tariffa oraria che parte da un minimo sindacale di 6,40 euro. Se assiste un minore di 6 anni le spetta un’indennità di funzione di 0,72 euro all’ora fino al compimento dei 6 anni del bambino.
Per tutti gli adempimenti della gestione contrattuale a partire dall’assunzione fino alla chiusura del rapporto potete rivolgervi chiedere informazioni e rivolgervi a noi.

> qui trovi tutte le informazioni che cerchi sulla babysitter

Quanto costa una babysitter?

Alcuni esempi di costo:

Quanto costa una baby sitter 10 ore settimanali, per minori di 6 anni?

Per il datore di lavoro il costo medio mensile, comprensivo di tutto (stipendio, contributi, tredicesima, ferie tfr e la nostra gestione), per una babysitter a 10 ore settimanali, è di circa 430 euro.

 

Per il lavoratore la retribuzione netta in busta paga è di circa 300 euro, su base oraria. A parte percepirà tredicesima, ferie, contributi, calcolo TFR.

Quanto costa una baby sitter 30 ore settimanali, per minori di 6 anni?

Per il datore di lavoro il costo medio mensile, comprensivo di tutto (stipendio, contributi, tredicesima, ferie tfr e la nostra gestione), per una babysitter a 30 ore settimanali, è di circa 1215 euro.

 

Per il lavoratore la retribuzione netta in busta paga è di circa 890 euro, su base oraria. A parte percepirà tredicesima, ferie, contributi, calcolo TFR.

Quanto costa una baby sitter 54 ore setitmanali?

Per il datore di lavoro il costo di una babysitter comprensivo di tutto (stipendio, contributi, tredicesima, ferie tfr e la nostra gestione), per il servizio diurno di 54 ore in regime di convivenza, ha un costo medio mensile di circa 1320 euro.

 

Per il lavoratore la retribuzione netta in busta paga è di circa 840 euro mensili. A parte percepirà tredicesima, ferie, contributi, calcolo TFR + vitto e alloggio in natura.