Lavoro notturno della badante

da | Mar 25, 2024 | Guida al contratto di lavoro domestico | 0 commenti

Spesso i clienti ci chiedono se il contratto di lavoro domestico come badante diurna prevede un’assistenza 24 ore su 24, ovvero se è compresa la notte. Il contratto di lavoro domestico può essere registrato, oltre che sulla base delle mansioni, anche sulla base delle fasce orarie di lavoro. La copertura quindi non è mai di h24 ma necessita l’eventuale impiego di due persone diverse: una per il giorno ed una per la notte.

Tipologie di inquadramento del lavoro notturno della badante

  • prestazione esclusivamente d’attesa (presenza notturna): è prevista durante la notte la sola presenza del lavoratore in un alloggio/spazio idoneo fornito dal datore di lavoro.
  • discontinue prestazioni notturne di cura alla persona (assistenza notturna): è prevista l’assistenza notturna per persone autosufficienti (con contratto BS) o non autosufficienti (con contratto CS o DS) in regime di convivenza.

Presenza notturna

Il contratto prevede la sola presenza del lavoratore in casa del datore di lavoro/assistito per le ore notturne.

Nel momento in cui venissero richieste al lavoratore prestazioni diverse dalla presenza quindi, queste saranno da retribuire aggiuntivamente sulla base delle retribuzioni previste per i lavoratori non conviventi (CS o DS) con le eventuali maggiorazioni contrattuali e limitatamente alle ore di servizio svolte.

La sola presenza notturna prevede il servizio dalle 21,00 alle 8,00 del mattino successivo. Convenzionalmente, e ai soli fini del versamento dei contributi, l’orario è fissato in 25 ore su 5 notti oppure 30 ore su 6 notti.

La retribuzione è mensilizzata, e non è prevista l’erogazione dell’indennità di vitto e alloggio.

Assistenza notturna

Il contratto prevede la presenza e l’assistenza alla persona fisica del datore di lavoro/assistito durante le ore notturne.

L’assistenza notturna implica un servizio dalle 20,00 alle 8,00 della mattina successiva. Convenzionalmente, ai fini contributivi, sono concordate 40 ore su 5 notti o 48 su 6 notti.

La retribuzione è mensilizzata e prevede che il compenso di vitto e alloggio sia corrisposto in natura durante i giorni lavorativi e monetizzato nei casi previsti dal CCNL di riferimento.

Valutazione di Google
4.8
Basato su 175 recensioni
×
js_loader