Lavoro non regolarizzato? Se non si assicura il lavoratore domestico nella totalità o solo in parte, i rischi che corrono le parti sono molto gravi! Vediamo quali:

 

Contestazioni del lavoratore (vertenze sindacali o cause di lavoro)
Oltre a decadere il rapporto di fiducia tra le parti, che a volte può sfociare in ricatti psicologici e mancanze di rispetto reciproche, un grave rischio che si corre nel non «denunciare» il proprio collaboratore è che quest’ultimo, nel corso del rapporto di lavoro o una volta terminato, possa decidere di fare causa al proprio datore di lavoro richiedendo somme di denaro non giustificate, differenze retributive sia in cedolino che liquidazione e il pagamento dei contributi omessi. Conseguentemente la famiglia si trova nella necessità di avvalersi di un legale per farsi assistere nel contenzioso con il lavoratore che prevede un nuovo dispendio economico, di tempo ed emotivo per la famiglia.

 

Sanzioni per il lavoro nero
Per non aver comunicato all’Inps l’assunzione del collaboratore domestico si rischia una sanzione che può arrivare fino a 36000€.

 

Sanzioni per il mancato versamento contributivo
Per il mancato versamento dei contributi all’Inps, sono dovute le sanzioni civili al tasso del 30% su base annua, calcolate sull’importo dei contributi evasi, con un minimo di 3000€.
Il mancato versamento contributivo prevede anche la mancata iscrizione del lavoratore all’INAIL, l’ente che subentra ad indennizzare il lavoratore in caso di infortunio occorso durante il rapporto di lavoro.

 Regolarizza subito il tuo collaboratore domestico! Clicca QUI, è facile e veloce!

Sanzioni per l’assenza di permesso di soggiorno
Se il lavoratore è privo di regolare permesso di soggiorno si rischiano l’arresto da tre mesi a un anno e un’ammenda sino a 5000€.

 

Mancato rilascio/rinnovo del Permesso di Soggiorno
Il permesso di soggiorno consente allo straniero (extracomunitario o apolide) di restare in Italia per un tempo determinato a seconda del motivo di rilascio del permesso di soggiorno.
La dimostrazione di un reddito sufficiente al proprio mantenimento è requisito indispensabile per ottenere il rinnovo del permesso di soggiorno.

 

Mancato accesso agli ammortizzatori sociali e alle eventuali agevolazioni fiscali
Si fa riferimento alle misure di sostegno al reddito finalizzate ad evitare che i lavoratori a seguito di licenziamento o periodi prolungati di assenza rimangano privi di risorse economiche in quanto il datore di lavoro non ha l’obbligo di corrispondere la retribuzione.Queste prestazioni sono:
– Indennità di disoccupazione (NASPI)
– Infortunio
– Pensione
– Maternità
– Assegni familiari e bonus (a seconda del reddito e della condizione familiare)

Come ogni lavoratore dipendente anche il lavoratore domestico può accedere, in fase di dichiarazione dei redditi e a fronte della presentazione di determinati requisiti, alla detrazione e deduzione di alcune spese: mediche, sanitarie, affitto, bonus Renzi, familiari a carico ecc…

 Regolarizza subito il tuo collaboratore domestico! Clicca QUI, è facile e veloce!

 

Share This