Il 21 Giugno 2018 è stato pubblicato dall’INPS l’Osservatorio sui lavoratori domestici con i dati del 2017

 

Lo scorso anno i lavoratori domestici contribuenti dell’INPS sono stati 864.526, con un decremento del -1,0% rispetto al 2016.

 

Una più ampia diminuzione si è registrata nel 2014 rispetto ai dati 2013 (-5,2%) e nel 2013 rispetto al 2012 (-5,1%). Il 2012 però è un anno “anomalo” in quanto si è registrato un forte aumento del numero di lavoratori per effetto della sanatoria riguardante i lavoratori extracomunitari irregolari.

La composizione per sesso evidenzia una netta prevalenza di femmine, che ha raggiunto nel 2017 il valore massimo degli ultimi sei anni, pari all’88,3%.

 

 

 

La Lombardia è la regione che registra in Italia il maggior numero di lavoratori domestici, 156.092, pari al 18,1%.
Seguono il Lazio (14,9%), l’Emilia Romagna (8,8%) e la Toscana (8,6%).
In queste quattro regioni si concentra più della metà dei lavoratori domestici in Italia.

La composizione dei lavoratori in base alla nazionalità evidenzia una forte prevalenza di lavoratori stranieri, che nel 2017 risultano essere il 73,1% del totale. Con riferimento alla distribuzione regionale per nazionalità, in Lombardia si concentra la maggior parte dei lavoratori domestici stranieri nell’anno 2017.

A fronte dell’andamento decrescente del numero di lavoratori domestici in Italia nel triennio 2015-2017, per quanto riguarda i lavoratori italiani, si registra invece un andamento crescente, pari a +6,9% nell’anno 2017, rispetto all’annoprecedente.

 

 

Ecco infine un grafico sull’età media dei lavoratori domestici

 

Si precisa che l’unità statistica di rilevazione è rappresentata dal lavoratore domestico che ha ricevuto almeno un versamento contributivo nel corso dell’anno o del trimestre.
I dati relativi al decennio 2008-2017 sono pubblicati nel portale Inps all’interno della loro banca dati.

Dati e grafici sono a cura del Coordinamento Generale Statistico Attuariale e sono stati pubblicati dall’INPS.
E’ possibile visionare il documento completo cliccando QUI

Share This